Prosciutto di Parma

Prosciutto di San Daniele

Il Prosciutto di Parma è il prosciutto più conosciuto dell’Italia. Gli Etruschi lo producevano già nel 5 secolo a.C.

La regione di Parma offre le condizioni climatiche specifiche che contribuiscono a produrre un prosciutto rinomato nel mondo intero. I prosciutti vengono fatti stagionare per un anno e più. L’Italia produce annualmente circa 9 milioni di pezzi, di cui una gran parte viene esportata.

Il Prosciutto di San Daniele è l’altro prosciutto italiano molto conosciuto. Veniva già prodotto dai Celti, prima dei Romani. La produzione è di circa 2,5 milioni di pezzi.

La qualità della materia prima (sono prosciutti di suini allevati in alcune regioni dell’Italia) e tutto il processo di produzione sono controllati da un Consorzio. Vengono utilizzati sono il prosciutto e del sale, non ci sono additivi.

Commint può fornire questi due tipi di prosciutto di qualità.

Prosciutto di Parma

Prosciutto di San Daniele

Il Prosciutto di Parma è il prosciutto più conosciuto dell’Italia. Gli Etruschi lo producevano già nel 5 secolo a.C.

La regione di Parma offre le condizioni climatiche specifiche che contribuiscono a produrre un prosciutto rinomato nel mondo intero. I prosciutti vengono fatti stagionare per un anno e più. L’Italia produce annualmente circa 9 milioni di pezzi, di cui una gran parte viene esportata.

Il Prosciutto di San Daniele è l’altro prosciutto italiano molto conosciuto. Veniva già prodotto dai Celti, prima dei Romani. La produzione è di circa 2,5 milioni di pezzi.

La qualità della materia prima (sono prosciutti di suini allevati in alcune regioni dell’Italia) e tutto il processo di produzione sono controllati da un Consorzio. Vengono utilizzati solo il prosciutto e del sale, non ci sono additivi.

Commint può fornire questi due tipi di prosciutto di qualità.

Prosciutto di Parma

Prosciutto di San Daniele

Il Prosciutto di Parma è il prosciutto più conosciuto dell’Italia. Gli Etruschi lo producevano già nel 5 secolo a.C.

La regione di Parma offre le condizioni climatiche specifiche che contribuiscono a produrre un prosciutto rinomato nel mondo intero. I prosciutti vengono fatti stagionare per un anno e più. L’Italia produce annualmente circa 9 milioni di pezzi, di cui una gran parte viene esportata.

Il Prosciutto di San Daniele è l’altro prosciutto italiano molto conosciuto. Veniva già prodotto dai Celti, prima dei Romani. La produzione è di circa 2,5 milioni di pezzi.

La qualità della materia prima (sono prosciutti di suini allevati in alcune regioni dell’Italia) e tutto il processo di produzione sono controllati da un Consorzio. Vengono utilizzati solo il prosciutto e del sale, non ci sono additivi.

Commint può fornire questi due tipi di prosciutto di qualità.

Prosciutto di Parma

Prosciutto di San Daniele

Il Prosciutto di Parma è il prosciutto più conosciuto dell’Italia. Gli Etruschi lo producevano già nel 5 secolo a.C.

La regione di Parma offre le condizioni climatiche specifiche che contribuiscono a produrre un prosciutto rinomato nel mondo intero. I prosciutti vengono fatti stagionare per un anno e più. L’Italia produce annualmente circa 9 milioni di pezzi, di cui una gran parte viene esportata.

Il Prosciutto di San Daniele è l’altro prosciutto italiano molto conosciuto. Veniva già prodotto dai Celti, prima dei Romani. La produzione è di circa 2,5 milioni di pezzi.

La qualità della materia prima (sono prosciutti di suini allevati in alcune regioni dell’Italia) e tutto il processo di produzione sono controllati da un Consorzio. Vengono utilizzati solo il prosciutto e del sale, non ci sono additivi.

Commint può fornire questi due tipi di prosciutto di qualità.

© Copyright Commint Srl – 2020